I consigli del libraioI consigli della libraiaRecensioni

I nostri libri per l’estate 2018

libri_estate_2018

Estate, tempo di vacanze, di relax, magari di mare o di montagna… e sicuramente di libri!
Perché in estate si legge di più, dicono le statistiche, e forse è vero: sotto all’ombrellone, in riva al lago, in lunghi viaggi in treno, aereo o traghetto, cosa c’è di meglio che avere una scorta di libri da leggere?
E cosa c’è di meglio che avere una scorta di libri da leggere in questa estate 2018?
Avere una scorta di ottimi libri da leggere!
Scelti e raccontati solo dopo averli realmente letti.
E con questo si spiega perché la nostra guida per i libri per l’estate 2018 arrivi solo ad agosto: dopo un sacco di presentazioni, incontri, serate culturali, letture, libri bevuti in un solo sorso come acqua fresca, e libri mollati dopo le prime pagine.
(Sì, anche noi lasciamo i libri che non ci piacciono: è un diritto, come scrive Pennac ne I dieci diritti del lettore)
E allora, andiamo a cominciare, che siamo già ad agosto, e c’è ancora poco tempo per godersi buoni libri in questa estate 2018

Per ridere

Heidi di Francesco Muzzopappa, Fazi Editore

Con il suo consueto stile, Francesco Muzzopappa mette alla berlina manie, vizi, e idiosincrasie della nostra società. La TV trash e l’ossessione tutta milanese di lavorare ad ogni costo sono bersaglio di questa divertente commedia dove la figlia di un severo critico letterario si ritrova a dover districarsi tra l’anziano padre con l’Alzheimer, un sexy badante, e tante, tante assurdità condite con riferimenti a uno dei cartoni animati più amati di sempre.

Corrierino delle famiglie di Giovanni Guareschi, Rizzoli

Giovannino Guareschi non è solo Don Camillo, capolavoro mai abbastanza letto. È anche la serie di bozzetti umoristici scritti negli Anni Cinquanta a Milano con cui prendeva in giro sé stesso, la sua famiglia, il suo lavoro e le manie dell’Italia del Boom, regalandoci il quadro spensierato di un mondo che non esiste più.

Noir

Come una famiglia di Giampaolo Simi, Sellerio


Ogni volta Giampaolo Simi si supera. Ambientato in Versilia, tra Viareggio e Pietrasanta, questo racconto parte dalla possibile violenza che Luca, figlio di Dario Corbo (protagonista del precedente libro La ragazza sbagliata) potrebbe avere compiuto la sera del suo diciottesimo compleanno, su una ragazza. Partendo da questo, Simi racconta senza alcuna edulcorazione il mondo malato del giornalismo d’assalto contemporaneo, del business legato al calcio, della smania di apparire a tutti i costi che il web ha sdoganato e della fragilità che la sua sua generazione ha lasciato in eredità ai figli.

I giorni dell’ombra di Sara Bilotti, Mondadori

Una storia cruda ambientata a Napoli. Una ragazza scompare, e nessuno nel palazzo dove abita sembra interessarsene, forse perché avevo una vita privata troppo libera. Da queste premesse Sara Bilotti intesse due viaggi paralleli: il primo è quello della protagonista, Vittoria, alla ricerca della verità; il secondo, quello attraverso gli orrori, e le abiezioni, che vivono nascoste dietro le finestre di un palazzo.
(Qui tutta la nostra recensione)

Vincere i premi

Tutto questo ti darò di Dolores Redondo, Dea Planeta

Vincitore del Premio Bancarella 2018, il premio assegnato dai librai di Pontremoli al libro che più ha venduto, è un giallo ambientato in Spagna: una morte improvvisa costringe un vedovo a ricostruire le menzogne che il coniuge gli ha raccontato per anni, e in quale modo queste siano collegate alla ricca e arrogante famiglia da cui proveniva.

La ragazza con la Leica di Helena Janeczek, Guanda

Il Premio Strega è il premio più prestigioso e discusso del panorama letterario italiano. Quest’anno ha vinto un autrice di lingua tedesca che da anni scrive in italiano e che ha voluto raccontare la breve vita colma di passione, impegno e arte di Gerda Taro, la fotografa compagna di Robert Capa, caduta durante la Guerra di Spagna.

Gialli

Lamentation di Joe Clifford, CasaSirio

Jay Porter è uno sconfitto dalla vita: lasciato dalla fidanzata, che con il loro figlio si è rifatta una vita, passa le sue giornate nel nulla della provincia cercando di sopravvivere. Ma almeno è migliore di suo fratello Chris, un tossico inaffidabile e bugiardo che ora si è imbarcato in una nuova attività: smaltire con un socio i vecchi computer. Ed è proprio in uno di questi che va dicendo aver trovato qualcosa di molto compromettente. Quando Jay scompare e viene ritrovato il cadavere del socio, la sua colpevolezza sembra essere lampante. Tranne per Chris, che ha ancora quel tanto di fiducia nei confronti del fratello da sapere che è innocente. E lo vuole dimostrare.
(Qui tutta la nostra recensione)

Tokyo Express di Seicho Matsumoto, Adelphi

Un uomo e una donna vengono trovati morti sulla spiaggia. Un suicidio, apparentemente. O forse no? Partendo da un piccolo dettaglio un investigatore dimesso, costante, e solerte ricostruisce quello che sembrava essere un delitto perfetto. Scritto nel 1958, una storia che racconta di un Giappone sospeso tra il frenetico mondo contemporaneo e i ritmi lenti del passato rurale e che indaga, prima di tutto, l’animo delle persone.
(Qui tutta la nostra recensione)

Libri per ragazzi… per tutti

I fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos, E/O

Prima parte di una trilogia, è un racconto fantasy steampunk che unisce un brillante apparato inventivo e visivo a una serie di tematiche adulte inconsuete nella narrativa young adult. La giovane e goffa Ofelia è costretta ad un matrimonio politico con lo scostante e potente Olaf: ha il potere di leggere l’anima delle cose e di spostarsi attraversando gli specchi. Le sue capacità però non le gioveranno nel corrotto, bugiardo e pericoloso mondo di Chiardiluna. La politica, come il potere, ha bisogno di sacrifici.
(Qui tutta la nostra recensione)

Dark Hall di Lois Duncan, Mondadori

Un severo e misterioso edificio nel nulla, una scuola la cui direttrice sembra nascondere qualcosa e con solo quattro studentesse: la brillante Kit fin dal primo momento in cui pone piede nella scuola di Madame Duret sente che c’è qualcosa di malvagio. Man mano che i giorni passano i suoi sogni si fanno sempre più agitati, la mattina è sempre più stanca, e qualcosa di freddo e misterioso è percepito aggirarsi tra i corridoi, apparire negli specchi, comparire nei sogni delle quattro studentesse.

Ridere tra i misteri

Penelope Poirot e l’ora blu di Becky Sharp, Marcos Y Marcos


La prorompente, entusiasta, convinta, instancabile Penelope Poirot torna ad indagare, perché nulla può fermare il sangue che le scorre nelle vene. In questa storia ambientata tra Liguria e Piemonte il sapore dolce amaro del ricordo si mescola ad antichi incubi, fate, e miserie presenti. Tra feste e miti per una volta Penelope Poirot si troverà davanti una antagonista degna di lei!
Se poi non la conoscete, recuperate tutti i libri della trilogia di Penelope e Velma

A bocce ferme di Marco Malvaldi, Sellerio

Torna Massimo il barrista ed i vecchietti del Bar Lume, perché ogni anno a Pineta c’è almeno un morto. E questa volta invece sono più di uno, e nemmeno ravvicinati, perché si parte da un delitto successo nel 1968. Chi meglio degli indistruttibili vecchietti di Pilade, Ampelio, il Del Tacca ed il Rimediotti possono risultare utili per un omicidio avvenuto cinquanta anni fa?

La scrittrice del mistero di Alice Basso, Garzanti

Vani Sarca è la ghostwriter più geniale, brillante e misantropa del mondo editoriale italiano. E per le sue doti finisce puntualmente a indagare sui misteri grandi e piccoli legati al mondo dei libri. Alice Basso con una scrittura agile, colta e divertente prende in giro i generi letterari, portando avanti le avventure di un gruppo di scombinati eroi: una ghoswriter vestita sempre di nero, un commissario che sembra uscito da un giallo degli Anni Cinquanta, adolescenti intraprendenti e una vecchina svanita dalla lingua affilata.

Il brivido ed il terrore

Così crudele è la fine di Mirko Zilahy, Longanesi

Giunge alla fine la trilogia che ha visto il commissario Mancini indagare tra la Roma delle rovine, la Roma post-industriale, la Roma dei musei e delle bellezze meno note. Queste sono lo sfondo per spaventosi delitti, e per indagini sulla complessità dell’essere umano e su quanto sia labile in certi casi il la separazione fra bene e male.
I thriller di Mirko Zilahy sono sempre una garanzia, e se non li conoscete iniziate da È così che si uccide e proseguite con La forma del buio

Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson, Adelphi

È apparentemente una famiglia strana ma felice quella della diciottenne Mary Katherine, che vive reclusa nella grande casa con la sorella e lo zio invalido, dedicandosi a garbati passatempi come la cucina e il giardinaggio. Peccato che sei anni prima tutto il resto della famiglia sia morto avvelenato al tavolo da pranzo, proprio in quella casa. E quando arriva un cugino quella che sembrava una svagata commedia inizia ad assumere sempre più rapidamente toni oscuri e malvagi.

Libri che parlano di libri

La libreria di Rue Charras di Kaouther Adimi, L’orma Edizioni

Una storia che sta tra l’Algeria del passato e quella del presente. Un giovane deve andare a svuotare un fondo commerciale in Rue Charras che ha ospitato una libreria che è stata anche biblioteca pubblica e casa editrice. Lì è nata la casa editrice di Edmond Charlot, che nel 1935 aprì la sua piccola attività senza un soldo, ma che fu il primo a pubblicare Camus: un giovane sognatore amico di  Gide, Saint Exupery e di altri grandi della cultura francese a cavallo della Seconda Guerra Mondiale che volle creare una casa editrice che abbracciasse senza distinzioni le due sponde del Mediterraneo.
(Qui tutta la nostra recensione)

Visto si stampi di Gabriele Sabatini, ItaloSvevo Edizioni

Un piccolo libro che racconta la nascita di otto libri di grandi autori italiani tra gli anni Venti agli anni Cinquanta e della nascita della casa editrice Longanesi. Una lettura agile e veloce che ha il merito di riportare alla luce importanti scrittori un po’ dimenticati, farci capire quale era il rapporto tra editore ed autore e di darci il quadro di come era il mondo delle Lettere in Italia qualche decennio fa.
(Qui tutta la nostra recensione)

Ci piace leggere de Le ragazze e i ragazzi di Mare di libri, Add Editore

Dopo 10 anni di festival Un mare di libri – Festival dei Ragazzi che leggono di Rimini, l’unico festival di letteratura italiano organizzato e gestito da ragazze e ragazzi tra gli undici e i diciotto anni, le ragazze e i ragazzi volontari hanno scritto questo libro prezioso e necessario. Una guida scritta dai ragazzi sui libri per ragazzi: che libri amano? Ci sono libri per femmine e libri per maschi? Esistono ancora argomenti tabù? Cosa pensano dei classici? Un punto di vista sincero e diretto per un libro utile a librai, insegnanti e genitori.

Il fantastico tra noi

L’invenzione di Morel di Adolfo Bioy Casares, SUR

Un’isola deserta, ad eccezione di un solo uomo che vi si aggira e ne esplora i pochi, strani, edifici. Fino a quando non inizia a vedere persone, che non dovrebbero esserci, e a registrare avvenimenti che non possono essere come appaiono ai suoi occhi. Follia? Malattia? Sta vivendo in un incubo? Da un maestro della narrativa fantastica, un racconto allucinato che per molti temi anticipa Lost e Il prigioniero
(Qui tutta la nostra recensione)

7 di Tristan Garcia, NN 

Sono sette romanzi in uno, ma questo libro non è una raccolta di racconti. C’è una droga che ti fa rivivere il te stesso di quando avevi venti anni, e una donna che si trova sospesa in una dimensione ucronica, alieni in crisi e un mondo distopico in cui le persone hanno deciso di vivere in emisferi separati. XCi sono persone, luoghi e suoni che ritornano nei primi sei romanzi, ma solo nell’ultimo si capisce qual è la trama di questo arazzo di storie

Esplorando nuovi lidi

Siracusa di Delia Ephron, Fazi

Due coppie di americani, e la loro bambina. Uno scrittore in crisi, la sua giovane moglie che ha smesso di scrivere, un esuberante ristoratore e la moglie perfetta e inappuntabile. Due coppie che viaggiano in Italia tra Roma e Siracusa. Piano piano il viaggio porterà alla luce le loro menzogne, i loro sensi di colpa, è sotto il cielo e il davanti al mare italiano esploderà la tragedia quando in questo equilibrio di 5 persone ne comparirà una sesta.
(Qui tutta la nostra recensione)

Acque del nord di Ian McGuire, Einaudi

Un romanzo storico sporco, crudele ed iperrealista sul viaggio dannato di una baleniera verso la Groenlandia. Il capitano, il primo ufficiale, i pescatori ed il medico di bordo hanno tutti segreti e secondi fini, che non hanno intenzione di rivelare. La natura selvaggia del Nord sarà meno crudele degli uomini che si trovano ai margini del mondo allora conosciuto per portare avanti le proprie macchinazioni.

Saggistica

1947 di Elisabeth Asbrink, Iperborea

Anche se ci sfugge, nel 1947 nascono conflitti, libri, oggetti, e movimenti che dopo 70 anni ancora sono al centro della nostra vita e della cronaca. In un libro diviso in dodici capitoli, uno per ogni mese, l’autrice si muove tra Delhi e Gerusalemme, tra New York e Il Cairo, tra Londra e Buones Aires, per raccontare un anno, ed i suoi protagonisti più o meno noti al grande pubblico, che ha segnato la contemporaneità
(Qui tutta la nostra recensione)

Storia di Roma in sette saccheggi di Matthew Kneale, Bollati Boringhieri

Per raccontare Roma, e automaticamente l’italia, perchè non partire dai saccheggi che ha subito nei secoli? Dai Galli di Brenno ai nazisti, passando per Lanzichenecchi, Normanni, Saraceni e Vandali, ci scorre davanti agli occhi la storia della città Caput Mundi e dei suoi abitanti, da sempre frutto agognato di tutti popoli che hanno messo piede in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *